Turismo in Campania, i monumenti da non perdere

Turismo in Campania, i monumenti da non perdere

La Campania è senza ombra di dubbio una delle regioni più amate, apprezzate e soprattutto visitate dai turisti non solo italiani, ma da ogni parte del mondo. Le sue bellezze sono state decantate da numerosi artisti nel corso dei secoli, e non smettono di affascinarci. Se state programmando una vacanza in Campania, però, fareste meglio a informarvi bene sui luoghi di interesse e sui monumenti da non perdere, in modo da organizzare al meglio il vostro soggiorno.

Campania: i monumenti da non perdere

Come detto, sono moltissimi gli aspetti della Campania che vi terranno a bocca aperta. Non parliamo quindi esclusivamente della bontà del cibo, della sconfinata bellezza dei panorami naturali o del calore e dell’ospitalità della gente che vi ospita. Non menzioneremo nemmeno i meravigliosi ed estremamente interessanti musei che potete visitare in questa regione, tra cui il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, o le ville che fanno invidia a Versailles, come la Reggia di Caserta.

Esistono infatti dei monumenti in Campania altrettanto spettacolari, ma forse meno conosciuti e quindi meno apprezzati, che vale la pena visitare o quantomeno conoscere. Tra questi c’è, per esempio, un monumento risalente addirittura al 114 d.C., ovvero l’Arco di Traiano della Campania. Si trova a Benevento ed è un arco celebrativo dei trionfi militari dell’imperatore Traiano, collocato sull’omonima via (Via Traiana), una variante della più nota Via Appia. Tra tutti gli archi romani giunti fino a noi, questo è senza ombra di dubbio quello conservato in migliori condizioni.

I monumenti più interessanti della Campania

Restando in tema di archi, a Caserta troviamo, oltre alla famosa reggia di cui prima (che non ha di certo bisogno di presentazioni), l’Arco ai Caduti in Guerra. Un arco di trionfo celebrativo dell’impegno militare durante il ventennio fascista, inaugurato nel 1936, su cui svetta una figura bronzea dall’alto valore simbolico. Una curiosità: i giovani casertani, durante l’emozionante notte prima degli esami di maturità, si riuniscono qui per celebrare la loro ultima notte da giovani studenti!

Ci spostiamo invece nel cuore del Golfo di Policastro, sul mare di Sapri, per ammirare una scultura bronzea che in pochi conoscono. Probabilmente la sua fama è oscurata soltanto dalla difficoltà con cui vi si accede. La statua raffigurante la Spigolatrice di Sapri si trova infatti su di uno scoglio, detto scoglio dello Scialandro, che si trova a sud della città in direzione Maratea, a circa un chilometro di distanza dal porto.

Se invece la destinazione delle vostre vacanze è il cuore pulsante della regione, ovvero la città di Napoli, i monumenti da vedere in Campania sono innumerevoli. Tra quelli meno conosciuti, ma più apprezzati, ne troviamo uno piuttosto bizzarro. Parliamo del busto di Pulcinella, che possiamo vedere (e toccare) in vico Fico al Purgatorio, vicino all’angolo con Via dei Tribunali. Si tratta di un monumento di Napoli piuttosto recente, dal momento che solo nel 2012 l’artista Lello Esposito l’ha donato alla città. Se passate da queste parti non dimenticate di toccare il naso di Pulcinella: pare sia di buon auspicio (e si sa, a Napoli la superstizione è parte del folklore e del suo fascino)! Per chi non si può spostare, grazie alla tecnologia oggi è possibile visitare virtualmente reperti storici.

Articoli correlati

8 Consigli per i Principianti del Trekking

8 Consigli per i Principianti del Trekking

Attrezzatura Indispensabile per Ciaspolare

Attrezzatura Indispensabile per Ciaspolare

Attrezzi da avere in giardino: quali sono?

Attrezzi da avere in giardino: quali sono?

Cos’è un decespugliatore e a cosa serve

Cos’è un decespugliatore e a cosa serve

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *